News

Ott 18

Teatro in carcere per le classi IIIA e IIIF: “Errare Humanum Est”

In relazione al percorso di Educazione civica, le classi terze indirizzi Figurativo e Architettura parteciperanno ad uno spettacolo teatrale in scena presso il teatro Puntozero, un progetto teatrale nato all’interno del carcere Beccaria in collaborazione con giovani attori, studenti universitari.
L’opera “Errare Humanum Est” tratta di legalità, disagio e devianza minorile.
Quello a cui assisteranno le classi non è solo una rappresentazione teatrale, ma anche e soprattutto una riflessione sulla crescita personale, sull’errore e sulla giustizia, condivisa dai ragazzi della compagnia (detenuti e studenti), il cui obiettivo è mostrare che cambiamento e crescita personali sono possibili. 
La sceneggiatura introduce e commenta le vicende personali dei minori sul palcoscenico, utilizzando una koinè di linguaggi: storie di strada della Milano urbana e cosmopolita, classicità dei versi shakespeariani e sofoclei, musica underground, ritmi rap che si affrontano e si fondono. Quello che il lavoro dice con chiarezza è che l’errore è il presupposto fondante per crescere, quindi per vivere ma aggiunge, come afferma Tiresia nell’Antigone di Sofocle: “Tutti gli uomini possono sbagliare. Ma saggio e fortunato è colui che nell’errore non persevera e cerca di rimediare al male”.